Una lettera per il Giardino

Pubblichiamo volentieri una breve lettera che un nostro fedele vecchio amico ci ha scritto, indirizzandola proprio a
                                         spett.
                                         Giardino IPV
                                         via G. Pepe
                                         20159 MILANO
                                         Italy
domenica scorsa in occasione della festa per il nostro 9° compleanno

Milano 15. 05. 2022

caro Giardino IPV,
oggi hai compiuto 9 anni.
Anche se non è propriamente una età tanto avanzata per voi giardini, tu per me sei diventato grande e lo diventerai ancora di più.
Mi congratulo con te non solo perché sei cresciuto, ma soprattutto perché sei diventato sempre più bello col passare degli anni, cosa che su questo pianeta succede più spesso a voi che a noi, poveri bipedi terrestri.
Ora tu sei diventato più grande e più forte, più strutturato, più intensamente vegetato, più profumato, più accogliente e anche più sapiente.
Hai mantenuto con onore la promessa (ambiziosa!) germogliata 9 anni fa: recuperare un pregiato ma quasi dimenticato pezzettino di terra di questa grande città e cominciare ad amarlo, curarlo, coltivarlo e farlo diventare un delizioso e libero punto verde capace di ospitare e fare stare bene tutti quelli che lo desiderano.
Indubbiamente questa era una buona idea, semplice e generosa, ma so bene che non è stato e non è né semplice né facile realizzarla, coniugando elementi naturali, risorse economiche, vincoli burocratici/amministrativi, impegno, idee intelligenti, lavoro manuale bello e buono.
Tu, caro Giardino IPV, CI SEI RIUSCITO!   
Lo hai dimostrato anche organizzando questa tua bellissima festa di compleanno: hai fatto fiorire una atmosfera gioiosa, fatta di emozioni, piante, persone, adulti, bambini, aromi, geniali scatoloni di cartone intagliati e colorati come grandi maschere, buona musica dal vivo, danze di grandi e di piccoli, di coppie e di singoli, e di “tuttinsieme”. Perdippiù un bancone (……un bastimento, direbbero i bambini) carico di tante cose buonissime da bere e da mangiare, tutte genuine, fatte da maniamichegenerose e poco costose o addirittura offerte gratuitamente.
Bravo, caro Giardino, anzi Bravissimo! Voglio dirti, anche a nome di quelli che lo pensano ma non sanno dirtelo, che ti voglio bene e ti sono grato perché ogni volta che vengo a trovarti provo una inusuale piacevole sensazione: la certezza che qui, in te, ci sono cose solo buone-naturali, solo sane, pacifiche, rasserenanti, niente che possa dispiacere o offendere nessuno.
Direi che l’Isola Pepe Verde è una di quelle rare isole felici dove vige non la logica del profitto ma quella della collaborazione generosa e della fiducia nel futuro.
TANTI AUGURI alle tue vecchie piante, ai tuoi germogli, ai tuoi amici, a noi,
TANTI AUGURI a te caro Giardino IPV,

                                        dal tuo aff.mo Fabio

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.